banner news

Cannabis e cancro: una parabola

Il meccanico e il giardiniere

Tratto dal libro “Cannabis & Cancer” di Jonathan Treasure

Considerare le erbe come veleno o una panacea è un inutile esercizio, ma lo è anche diffamare sia la medicina tradizionale che quella moderna a base di erbe.
Un modo più utile per capirne le differenze è quello di confrontare l’approccio del giardiniere e quello del meccanico.

cannabis cancer vol1La medicina tradizionale tende a considerare il corpo umano come una macchina, anche se molto complessa. Una macchina è intesa in termini di principi di base della progettazione, dove l'assemblaggio di componenti seguono regole prevedibili di organizzazione e di comportamento; un malfunzionamento di solito può essere risolto attraverso una logica ricerca guasti (diagnosi) e riparare o sostituire la parte meccanica difettosa.

Per la medicina a base di erbe, il corpo è più simile a un giardino, un ecosistema a sé stante, una complessa rete di sistemi interconnessi e interdipendenti di materia in cui il tutto è più della somma delle sue parti. Un malfunzionamento può derivare da fattori di stress o squilibri che, se non corretti, possono portare a problemi che, nel tempo, si manifestano nella malattia. Risolvere il problema quindi comporta modifiche al “terreno o alla terra”, proprio come farebbe un giardiniere.

In altre parole, quando le cose vanno male, la medicina tradizionale tende a concentrarsi sul problema in termini di patologia e malattia, mentre la medicina a base di erbe tende a concentrarsi sulla persona che ha la malattia.

Ii cancro viene classicamente descritto come la polarità tra tumore ed ospite, quest'ultimo è il terreno in cui il tumore si sviluppa. Estendendo il concetto orticolo, il cancro potrebbe essere paragonato a un erbaccia invasiva. Le erbacce prosperano in un terreno non equilibrato e trascurato, modificando il terreno (controllando il pH, contenuto di minerali e alimentandola con micronutrienti appropriati) si può evitare alle erbacce invasive di attecchire. Analogamente, creare un giardino interno "anti-cancro" o un terreno all'interno del corpo, può essere uno dei modi più importanti in cui erbe possono prevenire il cancro e inibirne la progressione.
Al tempo stesso la chemioterapia e altri trattamenti invasivi per il cancro, uccidendo le erbacce con veleni ed erbicidi causando danni collaterali all'ambiente circostante, non è necessariamente il modo migliore per eliminarle da un giardino, anche se a volte può essere l'unico modo.

In ogni caso, ci saranno sempre giardinieri che hanno un approccio meccanico, e meccanici che possono sconfinare nel giardinaggio. Praticamente, in particolare con il cancro, dove raramente la situazione è semplice, il paziente intelligente farà bene a cercare giardinieri che capiscono di meccanica e meccanici esperti di giardinaggio.

Fonte: projectcbd.org

Stampa